Recentemente ho parlato dei podcast e dell’audio marketing. Magari ti sei incuriosito, hai registrato dei contenuti audio e poi ti sei chiesto: “Ok, ho il mio podcast registrato, ma…dove lo pubblico?”.

podcast_le_migliori_piattaforme_dove_pubblicare

Soluzioni ce ne sono svariate. Le più comuni sono sicuramente quelle relative a iTunes e Google. Se non altro perché chiunque compri un cellulare oggi si trova delle app già pronte all’uso. Pubblicare però su queste piattaforme significa competere con realtà e persone con un alto numero di follower. Inoltre, soprattutto Apple, filtra la qualità audio perché vuole contenuti di un certo livello, limitando così la possibilità di creazione per chiunque.

Allora dove pubblicare i podcast?

Ci sono decide di siti, piattaforme, possibilità…Andiamo a vederne alcune.

Spreaker

Il modo più semplice per iniziare a pubblicare secondo me è usare Spreaker, nato proprio con l’idea di supportare le web radio. Questa piattaforma conta già 6,5 milioni di utenti, un numero piuttosto interessante quindi. È vero che altre realtà (come YouTube per i video, ad esempio) hanno un numero maggiore di utenti, ma sicuramente chi è interessato solo ai contenuti audio diventa immediatamente raggiungibile.
Spreaker permette inoltre la pubblicazione su Soundcloud, Youtube e Facebook, generando un video con la nostra foto come immagine e come audio quello che abbiamo registrato. Questa non è una cosa da poco: potrai infatti di allargare il tuo bacino di utenza più facilmente. Inoltre Spreaker permette di collegare la tua web radio (in diretta o differita) direttamente al tuo sito web.

Audiocast

Sito italiano di pubblicazione e fruizione di contenuti audio, è molto interessante perché ha anche un’ottima guida sul come realizzare un podcast.

Freerumble

Come piattaforma è molto particolare perché si presenta come come un social network del contenuto audio!

Soundcloud

Usatissima da gruppi emergenti e musicisti, Soundcloud permette di caricare contenuti audio di qualsiasi tipo ed è facile da inserire su un tuo sito. Per questi motivi, mi sento di consigliartela caldamente anche rispetto alle altre.

Ma quante persone ascoltano i podcast?

Tante. Per tanti motivi.
In Italia, sono soprattutto le più importanti radio a offrire un servizio costante e gratuito di podcast per riascoltare le puntate, ma sta cominciando a prendere piede anche l’ascolto staccato da queste realtà. Si stima che gli ascoltatori frequenti di podcast siano tra i 6 e gli 8 milioni nel nostro Paese. Non siamo ancora ai livelli degli Stati Uniti, dove in media il 44% della popolazione ha ascoltato almeno un podcast, ma è un fenomeno decisamente in crescita.

Perché fare podcast?

Riallacciandomi a quello che ho appena detto, secondo me vanno fatti perché c’è ancora parecchia possibilità di farsi conoscere in questo modo. Inoltre, un podcast è di facile realizzazione, rispetto a un video.

Ma c’è un motivo in più: Google ha deciso di far comparire i podcast anche nei risultati di ricerca, come puoi vedere da questi video.

Certo, per ora accade solo ai più famosi, ma visto che il motore di ricerca sta puntando su questa tipologia di contenuti ha anche dato delle linee guida da seguire per apparire nelle ricerche sia di Google che di Google podcast.

Hai mai provato a fare un podcast?
Se vuoi una mano, possiamo aiutarti a realizzare il tuo primo contenuto!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *