All’interno di una società civile, l’inclusione delle persone con disabilità è uno degli indicatori più importanti del livello di evoluzione della società stessa. Applicando questo principio, Wegmans, uno dei maggiori retailer di food and beverage negli Stati Uniti, ha adottato Aira. Si tratta di una app che permette agli utenti con handicap visivi di essere ancora più autonomi in alcune faccende quotidiane, come ad esempio la spesa.

aira_wegmans_retail_disabilità

Già nel 2015 l’azienda con base a Rocester, aveva introdotto nei propri negozi degli ausilii per aiutare le persone con parziale o totale perdita dell’udito. Oggi Wegmans ha implementato dei propri punti vendita anche l’utilizzo di Aira.
AIRA sta per Artificial Intelligence Remote Access. È una app gratuita che aumenta il grado di autosufficienza delle persone non vedenti o ipovedenti. E fornisce supporto anche per visite a monumenti e musei, intrattenimento come partite ed eventi sportivi, e anche per la vita domestica.

Come funziona Aira da Wegmans

Nel caso di Wegmans, una volta iscritti sul sito Aira.io e scaricata la app, si ricevono gratuitamente a casa un paio di smartglasses dotati di telecamera. Il servizio però si può usare anche tramite la cam del cellulare. In seguito si avrà l’aiuto di un addetto dedicato. Questi, tramite le immagini trasmesse dagli smartglasses o dalla fotocamera del cellulare, insieme a GPS, mappe e informazioni estratte dal web, guida la persona attraverso i negozi Wegmans. Per ora, funziona a New York, Pennsylvania, New Jersey, Virginia, Maryland e Massachussets.

Il ritorno di immagine per Wegmans

La catena retail si è già aggiudicata il primo posto nel Temkin Experience Ratings per il miglior servizio clienti ed è stata nominata da Forbes tra i “migliori 100 posti nei quali lavorare” per 21 anni consecutivi.
Un valido esempio di azienda che, tramite una policy aziendale fortemente votata all’etica e al sociale, offre ai propri clienti e dipendenti una serie di servizi che fanno realmente la differenza in un mondo a elevata competizione come quello del retail.

Conosci qualche altro esempio simile?
Scrivicelo nei commenti a fondo pagina!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *